Crea sito

Fisica Archive

  • I componenti della materia sarebbero inanimati senza una massa: è il bosone di Higgs che li costringe a interagire tra loro e ad aggregarsi. Le particella che attraversano il campo di Higgs interagiscono fra loro, vengono rallentate dall’attrito, non viaggiano più alla velocità della luce e acquisiscono una massa.

    Ecco cos’è il Bosone di Higgs. Come un vip in una sala, attira la materia

    I componenti della materia sarebbero inanimati senza una massa: è il bosone di Higgs che li costringe a interagire tra loro e ad aggregarsi. Le particella che attraversano il campo di Higgs interagiscono fra loro, vengono rallentate dall’attrito, non viaggiano più alla velocità della luce e acquisiscono una massa.

    Continue Reading...

  • Aveva infatti già fatto il giro del mondo, ieri, la notizia dell'individuazione della traccia sperimentale di questa particella prevista a tavolino per spiegare perché le particelle acquisiscono una massa e come l'energia e la massa siano fra loro correlate. Ma ciò non ha impedito a Peter Higgs, 83 anni, seduto nell'auditorium gremito di ricercatori, di commuoversi nell'ascoltare le conclusioni di Fabiola Gianotti, la fisica italiana portavoce di Atlas, che ha entusiasmato la platea con semplicità e carisma.

    Bosone di Higgs, per l’Italia la scoperta vale 350 milioni

    Aveva infatti già fatto il giro del mondo, ieri, la notizia dell'individuazione della traccia sperimentale di questa particella prevista a tavolino per spiegare perché le particelle acquisiscono una massa e come l'energia e la massa siano fra loro correlate. Ma ciò non ha impedito a Peter Higgs, 83 anni, seduto nell'auditorium gremito di ricercatori, di commuoversi nell'ascoltare le conclusioni di Fabiola Gianotti, la fisica italiana portavoce di Atlas, che ha entusiasmato la platea con semplicità e carisma.

    Continue Reading...

  • Secondo quello che ormai si dice con una semplificazione tanto efficace quanto ambigua, ieri al Cern di Ginevra sarebbe stata annunciata la scoperta della “particella di Dio”, ma già a vedere come è nata questa storia c’è da divertirsi anche noi. Pare che tutto derivi dal fatto che il fisico Leon Lederman, parlando in un suo libro di questa specifica particella ipotizzata da Peter Higgs già negli anni sessanta per spiegare il “campo” che dà la massa ad ogni altra particella, poiché essa non era ancora osservabile sperimentalmente, l’abbia chiamata una “dannata particella” (goddamn particle), definizione che poi l’editore del libro cambiò nella più educata ed impegnata “particella Dio” o “particella di Dio” (the God particle).

    Il bosone di Higgs, Dio e noi

    Secondo quello che ormai si dice con una semplificazione tanto efficace quanto ambigua, ieri al Cern di Ginevra sarebbe stata annunciata la scoperta della “particella di Dio”, ma già a vedere come è nata questa storia c’è da divertirsi anche noi. Pare che tutto derivi dal fatto che il fisico Leon Lederman, parlando in un suo libro di questa specifica particella ipotizzata da Peter Higgs già negli anni sessanta per spiegare il “campo” che dà la massa ad ogni altra particella, poiché essa non era ancora osservabile sperimentalmente, l’abbia chiamata una “dannata particella” (goddamn particle), definizione che poi l’editore del libro cambiò nella più educata ed impegnata “particella Dio” o “particella di Dio” (the God particle).

    Continue Reading...